Festival Eclat a Stoccarda, le nuove opere di Tsangaris e Sarhan


Appuntamento ricchissimo di ascolti e variegate voci contemporanee. Il festival tedesco ha proposto, tra tante, anche le opere di Sergej Newski, Dietrich Eichmann, Anna Korsun, Benjamin Scheuer, Boris Filanovsky, Ansgar Beste, Eivind Buene, Lars Petter Hagen, Rebecca Saunders


di Gianluigi Mattietti  foto © Martin Sigmund


C’era molta attesa al festival Eclat di Stoccarda per due nuovi lavori di teatro musicale di Manos Tsangaris e François Sarhan, data anche la vocazione della rassegna tedesca per le nuove forme di multimedialità, di interazione del suono con lo spazio della performance, con il testo, con le videoproiezioni. In EILAND, Tsangaris (che è stato allievo di Kagel) cercava appunto di cambiare la tradizionale idea di spazio scenico, creando uno spettacolo “multi-station”, presentato per la prima volta nella sua versione integrale. I Neue Vocalsolisten e cinque clarinetti contrabbasso (Theo Nabicht, Ernesto Molinari, Armand Angster, Olivier Vivares, Hans Koch) erano raggruppati in diverse formazioni, come isole dotate di dispositivi luminosi, nelle quali gli interpreti compivano diverse azioni, ciclicamente, e tra le quali gli spettatori si muovevano, come in un Wandelkonzerte dai percorsi personalizzati. Da prospettive diverse si poteva assistere anche a Une philosophie dans le boudoir di Sarhan, che si basava su tre testi distinti, ottenuti con tecniche di puro collage – il finale dell’omonimo libro di De Sade (quello dove la madre di Eugénie cerca di salvare la figlia dai mostri che la hanno corrotta, ma viene frustata e violentata da un uomo malato di sifilide); delle interviste di lavoro di una grande azienda; le Lettere di Ulrike Meinhof.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Gianluigi Mattietti

Docente di Storia della musica all'Università di Cagliari, autore di saggi e studi sulla musica del Novecento e contemporanea, collabora come critico musicale con le riviste Amadeus, The Classic Voice, Musica, Il Giornale della Musica, Golem informazione, Il Corriere Musicale.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti