La «Cenerentola» delle innovazioni


A Palermo l’opera di Rossini con l’utilizzo in scena della tecnica del “chroma key”, un sistema sofisticato di proiezioni interattive


di Santi Calabrò foto © Rosellina Garbo


Preceduta da un battage adeguato alle innovazioni dell’allestimento, è andata in scena a Palermo la Cenerentola di Rossini, nuova coproduzione tra il Massimo e il Teatro delle Muse di Ancona. Tutta da vedere è l’utilizzazione in scena della tecnica del “chroma key”, un sistema sofisticato di proiezioni interattive. Come spiega il regista Giorgio Barberio Corsetti, si tratta in realtà di due tecniche diverse: «da una parte abbiamo  la possibilità di far agire i cantanti all’interno di scenografie o, come in questo caso, di disegni, che sono giustapposti… dall’altra la possibilità di “dipingere” le scenografie come delle proiezioni video, che sono mappate e vanno a ricoprire esattamente dei punti delle scenografie». Il risultato è spettacolare, tanto più perché in scena agiscono cantanti che recitano benissimo, e il loro frequente primo piano sul video restituisce una “verità” diretta e coinvolgente. Di fronte a un colpo d’occhio così accattivante il pericolo è però quello di non calibrare la sua autonoma capacità di significazione rispetto all’impianto drammaturgico dell’opera, e qui Barberio Corsetti tende a mancare il colpo.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Santi Calabrò

Nato a Messina, si è diplomato in pianoforte con il massimo dei voti, la lode e la menzione d'onore, ed ha conseguito la laurea in Lettere Moderne con 110 e lode. Svolge attività concertistica, tiene concerti-conferenza ed è invitato a convegni musicologici. Critico musicale per dieci anni presso la Gazzetta del Sud, è collaboratore di Amadeus. Pubblica articoli musicologici su riviste specializzate ed è autore di saggi per volumi collettanei. Suona applicando i principi del suo "Tecnica del dito preparato" (Edizioni Leonida, Reggio Calabria 2007), un metodo per pianoforte di impianto e concezione innovativi. Vincitore di concorso nazionale, insegna attualmente presso il Conservatorio di Messina.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti