«Hänsel und Gretel» all’Opera di Amsterdam


Un nuovo nuovo allestimento per il titolo di Humperdinck firmato dalla giovane regista olandese Lotte de Beer con la direzione musicale di Marc Albrecht


di Gianluigi Mattietti foto © Borggreve


L’opera Hänsel und Gretel, che rese Engelbert Humperdinck famoso come “il Wagner dei bambini”, divenne presto popolarissima nei paesi di lingua tedesca, e uno dei titoli più rappresentati nel periodo natalizio. Ora è in scena anche all’Opera di Amsterdam, in un nuovo allestimento firmato dalla giovane regista olandese Lotte de Beer, star emergente, premiata come promessa della regia operistica da Opera Magazine, già celebre per alcune discusse regìe come quelle dei Pescatori di Perle e della Bohème a Vienna, e per il bel Così fan tutte di Braunschweig. La crudeltà della fiaba originale dei fratelli Grimm, stemperata da Humperdinck in una dimensione fantastica e sognante, riemergeva prepotente nella regìa della de Beer.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Gianluigi Mattietti

Docente di Storia della musica all'Università di Cagliari, autore di saggi e studi sulla musica del Novecento e contemporanea, collabora come critico musicale con le riviste Amadeus, The Classic Voice, Musica, Il Giornale della Musica, Golem informazione, Il Corriere Musicale.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti