Daniele Gatti, la prima volta con la Gewandhausorchester di Lipsia


di Simeone Pozzini foto © Alexander Böhm


I tre concerti di grande successo (anche per il pubblico: più di dieci minuti di ovazioni) che Daniele Gatti ha tenuto al Gewandhaus di Lipsia rappresentano un breve spunto di riflessione sulle idee di suono del direttore milanese, già Direttore Stabile dal 2016 della Royal Concertgebouw Orchestra. Dopo l’invito recente da parte dei Berliner Philharmoniker ad esibirsi con loro, l’ascolto di Gatti con la Gewandhausorchester è stato illuminante e sorprendente e rappresenta anche il suo debutto con questa antica e prestigiosa formazione europea. Un programma tutto tedesco, tra l’altro a ridosso della ricorrenza della riunificazione delle due Germanie, che ha visto accostate la Sinfonia Mathis der Maler di Paul Hindemith e la Prima di Brahms.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Simeone Pozzini

È pianista e critico musicale. È stato tra i fondatori e successivamente direttore artistico del Festival ContemporaneaMente di Lodi. Ha registrato per Stradivarius. Ha fondato e dirige Il Corriere Musicale. È stato tra i collaboratori del canale televisivo Classica in onda su Sky.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti