Festival Impuls e la Magdeburgische Philharmonie


di Gianluigi Mattietti


Nel Land di Sassonia-Anhalt ci sono alcune notissime rassegne musicali, gli Händel-Festspiele a Halle, il Kurt-Weill-Fest di Dessau, i Telemann Festtage di Magdeburgo. A Magdeburgo da otto anni esiste anche il Festival Impuls di musica contemporanea. Una rassegna che ha una peculiarità, rara in questo tipo di festival, perché non invita solo solisti e ensembles, ma lavora soprattutto con le proprie forze: quelle di un’orchestra stabile, la Magdeburgische Philharmonie, che garantisce una programmazione ricca di repertorio sinfonico. Un’orchestra di ottima qualità, la più grande di tutto il Land (con i suoi 130 musicisti stabili), diretta con passione e intelligenza musicale dall’olandese Hans Rotman.

Negli anni il Festiva Impuls ha “fidelizzato” il pubblico locale e ha cominciato a suscitare l’interesse del mondo musicale internazionale, puntando su programmi ricercati e stimolanti, inventando la formula dell’Orchestertreffen (incontri di gruppi strumentali di diverse orchestre riuniti nello stesso concerto), inaugurando le “Bauhaus Masterclass” per compositori, direttori e strumentisti, individuando sempre dei percorsi tematici strettamente legati all’attualità politica e sociale del nostro tempo.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Gianluigi Mattietti

Docente di Storia della musica all'Università di Cagliari, autore di saggi e studi sulla musica del Novecento e contemporanea, collabora come critico musicale con le riviste Amadeus, The Classic Voice, Musica, Il Giornale della Musica, Golem informazione, Il Corriere Musicale.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti