di Redazione

La maggior parte dei pianisti, favorita dall’ineludibile eufonia della scrittura, consegna interpretazioni della musica di Debussy variamente oscillanti tra “struttura” ed “evocazione”; sono più spesso i direttori di orientamento modernista a radicalizzare il corno più problematico di questa antitesi, fino a proporre lo stile debussyano come “musica assoluta” (le famose interpretazioni di Pierre Boulez, per esempio). In questo senso, il recente CD/DVD Shadow’s Mistery (LIMEN – CDVD015C015) di Letizia Michielon costituisce un autentico choc. Nel secondo libro dei Preludi di Debussy Michielon scopre le ragioni di un logos strutturale tutto debussyano, scovandole anche dietro le “ombre” e i “misteri”. Con lo stesso gesto, tuttavia, la pianista restituisce anche le intenzioni referenziali di queste pagine, senza enfatizzarle e inglobandole piuttosto nella dominante istanza razionale.

cover326x326Un “boulezianesimo ben temperato”, insomma, che tiene fermo l’assunto secondo cui i dati culturali a monte dell’opera non vanno negati, e tanto meno va rimosso il simbolismo decadente – come invece l’ideologia dell’avanguardia sembra imporre all’interpretazione di tendenza “progressista” -; i simboli, qui, sono semmai trasfigurati nella trama della forma. Il principio fondamentale di questa quadratura del cerchio risiede in un’inflessibile connessione della linea motivica: Michielon riesce a esprimere continuità anche nei cambi di registro e di testura che tendono a frammentare l’insieme e inducono altri interpreti ad esaltare l’attimo ipnotico e irrelato. Persino La valse di Ravel, che completa il disco, trova qui una misura classica: esecuzione ammirevole ma meno originale rispetto ai Preludi debussyani, dove una cifra esegetica personale si distingue più chiaramente sia per la commessura tra ordito costruttivo e intenzioni mimetiche, sia per la percepibile coerenza di ciclo. Decisamente auspicabile per Michielon anche un’incisione degli Études, il lascito estremo e apparentemente meno simbolista del Debussy pianistico.

Pubblicato il 2015-01-30 Scritto da SantiCalabrò

Related Posts

Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Recensioni

Ben ritornato!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?