Il Concerto delle Fraternità (videoblog)


Al Ravenna Festival un appuntamento di grande significato nel nome della spiritualità e della condivisione: ve lo raccontiamo con una scelta di immagini, suoni, interviste e commenti


di Patrizia Luppi


E ra il 1997 quando il Ravenna Festival raccolse l’appello della città di Sarajevo e vi tenne il primo dei concerti delle “Vie dell’amicizia”. Da allora ogni anno, con orchestre diverse ma sempre con Riccardo Muti sul podio, il Festival ha accettato inviti da paesi di comune matrice mediterranea – dal Marocco alla Tunisia all’Egitto – e da realtà segnate da profondi disagi, come la New York di Ground zero, Beirut o Nairobi.
Quest’anno, è stata Ravenna a invitare il Tibet e i suoi monaci condannati dalla Cina all’esilio. Il Concerto delle Fraternità, in programma questa sera alle 21 nel Palazzo Mauro de André e di cui stiamo seguendo la prova generale, riunisce una pluralità affascinante di voci. Scopriamole insieme.


Incontro con Angelo Nicastro, condirettore artistico


ore 20.54
L’ingresso del Paladeandré


Incontro Franco Masotti, condirettore artistico


ore 19.45
Incontro con Lama Gala Rinpoche del Monastero di Drepung Loseling


ore 16.37

Il programma del concerto è molto complesso, come potete immaginare scorrendo la locandina che qui pubblichiamo. Ai brani d’ispirazione spirituale e sacra di Brahms, Haydn e Mozart diretti da Muti si alternano le musiche dei repertori religiosi e popolari di gruppi provenienti dal Tibet, dalla Russia, dalla Serbia e dalla Sicilia. L’effetto d’insieme è di grande suggestione, come abbiamo potuto constatare assistendo alla prova di questa mattina, durante la quale abbiamo realizzato brevi interviste video che siamo in procinto di pubblicare su questa pagina. È pronta anche un’importante sorpresa che non possiamo svelare: potrà scoprirla in tempo reale non solo il pubblico in sala, ma anche chi ascolterà la diretta di Rai Radio3. Il 22 luglio la ripresa video di tutta la serata andrà invece in onda su Rai Uno.


ore 13.30
Lamentatori Memento Domini di Mussomeli


ore 12.40
I lama tibetani del Monastero Drepung Loseling


ore 12.10
Coro serbo bizantino Moisey Petrovich


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Patrizia Luppi

Giornalista professionista, fa parte dell’Associazione nazionale dei critici musicali. È stata a lungo redattrice di due riviste specializzate, prima Musica Viva e poi Amadeus; nel frattempo ha svolto numerose altre attività, in particolare collaborando con quotidiani (è stata fra l’altro il critico musicale del dorso milanese de La Stampa), con testate settimanali e mensili, con Rai RadioTre e con RaiSat Show. Per un decennio direttore responsabile di Esz News, quadrimestrale delle Edizioni Suvini Zerboni, conserva tuttora uno speciale interesse per la musica contemporanea; attraverso gli studi giovanili di canto, con maestre come Rosetta Noli e Carla Castellani, e quelli di recitazione svolti in età più matura, ha coltivato l’amore per l’opera lirica e per la musica vocale da camera. È vicedirettore del Corriere Musicale

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti