Coste e Regondi, nuova luce per l’Ottocento chitarristico

Il Thalberg della chitarra. Le prime registrazioni assolute di fantasie su temi operistici. Il cd di  Enea Leone è l'occasione per approfondire due compositori del secolo difficile della chitarra (l'Ottocento) oscurata dalle grandi sonorità romantiche

di Lorenzo Galesso

La pubblicazione dell’ Air varié de l’opera de Bellini ‘I Capuleti e i Montecchi’ di Giulio Regondi risale  al 2008 e, considerate le pochissime composizioni del chitarrista e compositore genovese, ebbe grande eco . . .



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


L'autore: Lorenzo Galesso

Chitarrista e musicologo, ha frequentato il biennio di chitarra presso il conservatorio di Bolzano, discutendo una tesi su Antonio José. Si é laureato presso l'Università degli Studi di Milano con una tesi riguardante il compositore Ferdinand Rebay, di cui ha curato l'inventario del monastero di Heiligenkreuz. Ha svolto attività di critico musicale presso il sito web Eyeonmusica, recensendo concerti e registrazioni di musica non - eurocolta