Al via il Festival Verdi

[wide]

[/wide]

Si inaugura questa sera a Parma l’annuale rassegna che fino al 28 ottobre presenterà due opere, Rigoletto e La battaglia di Legnano, concerti, incontri e mostre al Teatro Regio, a Busseto e nelle terre legate al nome del sommo compositore


L’anno del bicentenario verdiano, per il quale si stanno preparando omaggi in Italia e nel mondo, sarà il 2013; ma già per il 199° compleanno del Maestro di Busseto, il prossimo 10 ottobre, il Festival a lui dedicato prevede festeggiamenti con una serata di gala al Teatro Regio di Parma (come sempre organizzatore della rassegna, insieme con il Ministero per i beni e le attività culturali): protagonisti Inva Mula, Piero Pretti, Leo Nucci, Michele Pertusi con l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi e il Coro del Teatro Regio di Parma, maestro del coro Martino Faggiani, direttore Ivan Repušić.

Già prima però, a partire dall’inaugurazione di questa sera, 1° ottobre, al Regio si terranno le rappresentazioni (repliche 5, 12, 14, 18, 26), della prima delle due opere in cartellone: Rigoletto, nell’apprezzato allestimento creato proprio per Parma nel 1987 da Pier Luigi Samaritani. La regia dell’artista romano, scomparso nel 1994, è ripresa da Elisabetta Brusa in omaggio alla sua memoria. In palcoscenico, un protagonista di vaglia come Leo Nucci affiancato da Desirée Rancatore, Michele Pertusi, Jessica Pratt, Celso Albelo e Piero Pretti. Sul podio, Daniel Oren e, nelle recite del 12, 14 e 18, Francesco Ivan Ciampa. In questa come nell’opera successiva, si produrranno la Filarmonica Arturo Toscanini e il Coro del Teatro Regio di Parma con il suo maestro Martino Faggiani.

Secondo titolo in cartellone, La battaglia di Legnano (6, 9, 13, 20, 27 ottobre) nel nuovo allestimento creato per il Festival Verdi da Pier Luigi Pizzi. Giovani i cantanti: William Corrò, Emanuele Cordaro, Gezim Myshketa, Aurelia Florian, Alejandro Roy, Valeriu Caradja, Erika Beretti, Cosimo Vassallo; dirigerà il canadese Boris Brott.

Anche quest’anno il Festival si lega con realtà locali per ampliare l’omaggio al sommo musicista: con la rassegna di Traiettorie-Fondazione Prometeo, accogliendo quattro concerti di musica contemporanea «in piena sintonia con la sensibilità per il moderno nella musica verdiana»; poi con quattro corali cittadine che interpreteranno brani di Verdi in altrettanti concerti. Alcuni appuntamenti vedranno impegnati gli allievi del Conservatorio di Parma, mentre una giornata di studi sarà dedicata il 28 ottobre al compositore, violinista e direttore d’orchestra Angelo Mariani. Altre ancora le attività in programma, sia per gli adulti sia per i bambini.

Biglietteria del Teatro Regio di Parma: da lunedì a sabato ore 10-14 e 17-19. Info: tel. 0521039399, www.teatroregioparma.org/verdifest/index.htm

© Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti