«The Importance of Being Earnest», al Barbican l’opera di Gerald Barry


In scena a Londra la fortunata versione musicale, nominata ai Grammy, di un classico intramontabile del teatro vittoriano


di Francesco Fusaro foto © Stephen Kummiskey


RICORDATE L’ULTIMA VOLTA in cui vi è capitato di ridere di cuore, e a ripetizione, mentre assistevate ad un’opera contemporanea? Forse molti di voi non ricordano nemmeno quando hanno assistito ad un’opera contemporanea di recente, figuriamoci riderne (e non per scherno). Ebbene, ridere di gusto è quello che è successo a più riprese al pubblico convenuto ieri sera al Barbican Centre di Londra per la riproposizione della fortunata versione di Gerald Barry di un classico intramontabile del teatro vittoriano, The Importance of Being Earnest di Oscar Wilde. Eseguita per la prima volta in una versione concertistica dalla Los Angeles Philarmonic Orchestra – che l’aveva commissionata insieme allo stesso Barbican – nell’aprile 2011 e poi, in versione per il palcoscenico, a Nancy nel 2013, The Importance of Being Earnest versione Barry è presto diventato un tassello così importante del repertorio operistico contemporaneo da essere persino stato nominato ai Grammy. E con buona ragione.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Francesco Fusaro

Musicologo, dj e giornalista, ha scritto per Amadeus, Rockit, Linkiesta, il Giornale della musica, DJ Magazine, Huffington Post. Ha partecipato a progetti artistici in Italia, Inghilterra, Marocco e Stati Uniti. Vive e lavora a Londra, dove conduce un proprio programma radiofonico per Shoreditch Radio.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti