King Arthur a Bologna


L’opera di Henry Purcell e John Dryden nella produzione Motus-Sagra Musicale Malatestiana


di Giampiero Cane

KING ARTHUR, la dramatick opera di John Dryden ed Henry Purcell ha inaugurato al Manzoni di Bologna il cartellone di Musica Insieme. È stato un avvio strano perché l’associazione è concertistica. Ma per l’occasione c’è stato un allestimento di quelli che vengono chiamati semiscenici, ma nel caso non sapremmo perché. Di fatto la cantata rituale in onore della corona, ridotta a qualcosa solo della sua lungaggine e piaggeria, risultava uno spettacolo scenico intelligentemente contenuto di fronte a uno sguardo che l’avesse osservato per quel che è il testo, scritto certamente in posizione prona da un letterato al servizio del potente di turno.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Giampiero Cane

Dagli anni Sessanta critico musicale per quotidiani e riviste, collabora ancora oggi con il manifesto. Ha insegnato nell’Università di Bologna, avendo la cattedra di Civiltà musicale afro americana, ma coprendo per sei anni anche l’insegnamento di Storia della musica moderna e contemporanea. È autore di alcuni libri, tra io quali si possono ricordare Tre deformazioni dolorose: Sade, Rossini, Leopardi, Canto nero (sul free jazz), MonkCage (sul Novecento musicale Usa), e Confusa-mente il Novecento.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti