di Ida Zicari

Giusta la distanza storica con cui, dagli anni Novanta del secolo scorso, si è ricominciato a guardare all’operato di Alfredo Casella. Una sorta di Casella Renaissance, come è stato detto, che, a quarant’anni dalla morte del musicista torinese, è stata suscitata da rinnovate prospettive musicologiche e musicali. La nuova attenzione dedicata a Casella, esito di un’evoluzione di pensiero, tende, tra l’altro, a riconsiderare in sede critica i giudizi che hanno pesato sulla sua musica, a rimuoverne i pregiudizi, a ristabilirne il ruolo fondamentale nella cultura italiana dei difficili, sconvolgenti, anni dei due conflitti mondiali.

Scaturisce da questo nuovo indirizzo il volume edito da Lim, Alfredo Casella interprete del suo tempo, con la curatela di Carla Di Lena e Luisa Prayer, che raccoglie i risultati delle ricerche svolte in occasione delle giornate di studio promosse dal Conservatorio dell’Aquila nel 2015 e nel 2019. Si tratta di un doveroso tributo, certamente, da parte del Conservatorio aquilano e della città intera, offerto alla memoria del musicista che, come ha ricordato Renzo Giuliani, ha segnato con una forte impronta l’identità musicale abruzzese indicandone la strada del futuro; ma si tratta, anche e piuttosto, di un impegno editoriale che contribuisce a spingere più in avanti i confini della conoscenza di Casella, i suoi tempi, il suo lascito artistico.

La revisione critica della figura di Casella, oggi, non può non fare i conti con note pendenze come l’implicazione col fascismo, gli insuccessi di ricezione, l’incoerenza del suo eclettismo. A tal proposito, tra i contributi compresi nel volume aquilano, interviene il saggio di Gregorio Moppi a chiarire come quella della messa in scena del Deserto tentato fu per Casella un’operazione di “propaganda senza consensi”. Antonio Rostagno annovera tra i capolavori quell’opera tarda, la Missa solemnis “pro Pace”, che, velocemente liquidata e subito dimenticata, è restituita ora, con un’analisi rigorosa e appassionata, al suo più profondo valore di contenuti etici e spirituali. Guido Salvetti approfondisce la genesi parigina del ciclo di liriche L’Adieu à la vie, dando ragione di quella chiarezza comunicativa che per Casella fu l’imperativo sotteso a ogni esperienza pluristilistica. La sfortunata sorte nella ricezione del Concerto romano è ripercorsa da Carlo Ferdinando de Nardis, che, inaugurandone un nuovo corso, porta a compimento le sue ricerche sulla partitura con la realizzazione di un’edizione critica a stampa per l’editore Suvini e Zerboni.

Cionondimeno, è tempo di valutare il ruolo propulsore di Alfredo Casella anche in ambito didattico: le ricognizioni di Alessandra Carlotta Pellegrini, quindi, si rivolgono all’impegno senese nell’Accademia Musicale Chigiana; Cristina Cimagalli si occupa dei corsi romani di perfezionamento pianistico; Angela Annese racconta il Casella “maestro di Nino Rota”. Tredici lettere e tre telegrammi di Casella ancora inediti, invece, emergono dal fondo Virgilio Mortari dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a opera di Annalisa Bini, per aggiungere un, sia pur piccolo, tassello all’attraente mosaico del rapporto con Mortari.

E se, fuor di ogni dubbio, per conoscere una musica la si deve ascoltare, merito va riconosciuto alle giornate aquilane di studio per aver proposto, durante le sessioni del convegno, l’ascolto di musiche caselliane eseguite dal vivo. Perché, se stupisce che i Pupazzetti, come ha rilevato Cristina Cimagalli, suscitarono all’epoca della composizione molta contrarietà per le novità di scrittura, stupisce, ancor di più, constatarne oggi le ostilità, talvolta.

Ida Zicari

Ida Zicari

Diplomata in Pianoforte con il massimo dei voti e con lode in Musica vocale da camera presso il Conservatorio di Musica di Cosenza. Si è perfezionata con i maestri D. Rivera, N. Delle Vigne, K. Bogino, L. Howard, L. Berman. Concertista, si è esibita a Praga, Roma, Bologna, Rieti, Lugano, Salonicco, Venezia, Saronno, Tolmezzo, Asti, Lecce, ecc. È vincitrice di importanti premi pianistici tra cui il "D. Macculi" al Concorso Pianistico Internazionale "Roma 2003". Insegna Pianoforte complementare al Conservatorio di Vibo Valentia. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne con lode presso l'UNICAL. La tesi in Letteratura italiana moderna e contemporanea ha ricevuto consensi al XVII Premio Internazionale Eugenio Montale 1999, ha ricevuto il terzo premio al concorso “Dialetti in Tesi”, dell’IBC, Regione Emilia Romagna, 2010, ed è stata pubblicata nella rivista «Filologia Antica e Moderna» e nel volume Lei capisce il dialetto, Editore Longo, Ravenna. Giornalista pubblicista, collabora con la rivista Amadeus. Di recente pubblicazione i suoi saggi La musica di Liszt interpretata dai coreografi, e Marguerite and Armand: una coreografia sulla Sonata in si minore di Liszt, sui «Quaderni dell’Istituto Liszt», 2009 e 2010, Rugginenti, Milano.

Related Posts

Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Recensioni

Ben ritornato!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?