Tutti i post di Luciana Galliano

L'autore: Luciana Galliano

Musicologa e studiosa di estetica musicale, ha coniugato un approfondito interesse per la musica contemporanea con una speciale attenzione alla musica contemporanea giapponese. Ha a lungo insegnato Antropologia Musicale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ha collaborato con Luciano Berio per le ricerche musicologiche delle sue Norton Lectures (1993); collabora con le maggiori riviste musicologiche e con diverse istituzioni musicali tra cui CHIME (European Foundation for Chinese Music), i Festival MilanoMusica e MiTo, TextMusik. Responsabile della sezione musicale per il CESMEO (Istituto Internazionale di Studi Asiatici Avanzati), è corrispondente dall’Italia per alcune riviste musicologiche giapponesi. Ha partecipato ad innumerevoli convegni internazionali e tenuto conferenze in molte università italiane, giapponesi e americane. Ha pubblicato articoli su riviste scientifiche, contributi a volumi con Olschki, EdT, Guerini, Bärenreiter; i libri Yōgaku. Percorsi della musica giapponese nel Novecento (Cafoscarina 1998; ed. inglese: Yōgaku. Japanese Music in Twentieth Century, Scarecrow 2002); Musiche dell’Asia Orientale (Carocci 2004), The music of Jōji Yuasa (Cambridge Scholars Publ. 2011).

Se György Kurtág teme l’orchestra…

Se György Kurtág teme l’orchestra…

Dando seguito ad una bellissima edizione curata vent’anni fa dalla compianta Luciana Pestalozza, che fece conoscere il compositore ungherese György Kurtág (1926- ) anche in Italia, il Festival Milano Musica dedica quest’anno il biennale portrait monografico proprio a Kurtág e al suo particolare rapporto con Samuel Beckett. Sempre più e positivamente il Festival dialoga con le tante istituzioni musicali e culturali milanesi, in una proficua collaborazione che ha animato la città dal 20 ottobre…

«Club to club», Festival di musica elettronica

«Club to club», Festival di musica elettronica

C’è un genere musicale di cui bisogna assolutamente parlare: la musica elettronica detta techno. Il Festival Club to Club, che si è svolto a Torino all’inizio di novembre, ha proposto una bella vetrina sulle tendenze e i protagonisti della scena elettronica … giovanile? pop? techno, la parola giusta è techno – che ha mille sfumature: motown (dalle origini a Detroit del genere), house (più lenta, minimalista, ritmi vagamente reggae), garage (la più rumorosa, metallica), dance (con il chiaro…..

«The 10×6 Concert» – I sessant’anni di Toshio Hosokawa

«The 10×6 Concert» – I sessant’anni di Toshio Hosokawa

IL 23 OTTOBRE 2015 TOSHIO HOSOKAWA HA COMPIUTO SESSANT’ANNI, un’età importante secondo il calendario cinese – e giapponese: è l’unica volta in cui la posizione della luna e del sole coincidono perfettamente come alla nascita. È dunque una data significativa, e va festeggiata. Molte esecuzioni orchestrali in Giappone e in Europa, la prima della sua nuova opera, Stilles Meer alla Staatsoper di Amburgo, nel gennaio 2016. Un particolare omaggio in patria è stata la serie The 10×6 Anniversary Concert

« Uccidiamo il chiaro di luna », il Futurismo in scena a Torino

« Uccidiamo il chiaro di luna », il Futurismo in scena a Torino

Un vasto complesso ottocentesco, un parco meraviglioso: era il manicomio di Collegno in provincia di Torino, ma negli anni Ottanta è stato chiuso, abbattuto il muro di cinta, e restituiti i grandi spazi all’uso civile – concerti, teatro, feste. Nel 2004 sono iniziati i lavori di restauro del grande padiglione costruito nel 1870-75 ad uso di lavanderia a vapore per il complesso psichiatrico. Una volta terminati i lavori, il padiglione è stato attrezzato e destinato al Centro Coreutica…

Takefu Festival Internazionale di Musica

Takefu Festival Internazionale di Musica

Si è svolta quest’anno la venticinquesima edizione del Festival di Musica di Takefu, da dieci anni sotto la direzione del compositore Toshio Hosokawa. Dopo l’avventura di Akiyoshidai – dove Hosokawa diresse dal 1989 al 1998 l’International Contemporary Music Seminar and Festival, un festival di vaste proporzioni…

Riccardo Chailly e Richard Strauss

Riccardo Chailly e Richard Strauss

In questa primavera la Scala di Milano dedica a Richard Strauss, nel 150° della nascita, un ciclo di tre concerti, affiancando i maggiori lavori orchestrali del grande compositore bavarese ad un nuovo brano, commissionato ad un compositore contemporaneo che abbia una qualche affinità con la sontuosa scrittura straussiana.

«The future sound of classic»

«The future sound of classic»

Con un formato ormai felicemente consolidato si sono tenuti i tre concerti di Rai Nuova Musica, manifestazione dell’OSN che festeggia quest’anno le dieci edizioni. Attirare alla nuova musica i ragazzi, che si appassionano per i concerti di un quartetto come il Kronos, o per i brani di Zappa diretti da Boulez ma in generale ignorano la interessante e ricca scena della musica contemporanea