«Il Signor Bruschino» all’Olimpico di Vicenza


Il regista Bepi Morassi lavora principalmente su gesti, movimenti e tic dei personaggi.  La direzione musicale è di Giovanni Battista Rigon. Nel cast vocale Paolo Ingrasciotta, Medea De Anna, Giulia Bolcato | Clip video


di Cesare Galla foto Luigi De Frenza


UN GRAZIOSO TEATRO DA TAVOLO viene spostato qua e là dai personaggi, quasi feticcio che rispecchia lo spazio antico dentro al quale si svolge lo spettacolo. E infatti, il fondale in miniatura è l’esatta riproduzione della monumentale “frons scenae” dell’Olimpico di Vicenza, culmine del classicismo palladiano. L’espediente scenico ha quasi l’aria di una “giustificazione”, da parte del regista Bepi Morassi: in effetti, rappresentare una commedia per musica di stampo borghese del primo Ottocento davanti a quell’aulica sfilate di colonne e statue finisce per far diventare ingombrante e superfluo uno spazio che è unico al mondo.

La commedia è Il Signor Bruschino di Rossini, che il festival Settimane Musicali all’Olimpico propone come prima tappa di un percorso che dovrebbe portare all’esecuzione completa delle cinque farse scritte dal pesarese per il veneziano teatro San Moisè fra il 1810 e il 1813. Morassi cerca di risolvere il problema con un rispettoso gioco di rimpattino fra quello che accade sulla scena e la severa fissità di ciò che sulla scena incombe. Lo fa principalmente lavorando sulle luci, che ora fanno sparire completamente il contesto, ora lo valorizzano con misura nei suoi elementi scultuorei e plastici, evitando l’effetto cartolina e provando a dare ai suoi interventi una dimensione comunque collegata alla essenziale drammaturgia disegnata da Rossini.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Cesare Galla

Scrive di musica dall'età di 20 anni, quando ancora seguiva gli studi musicologici nelle università di Bologna e Venezia, dopo il liceo classico. A 25 è diventato giornalista professionista e ha lavorato al Giornale di Vicenza come redattore, caposervizio e vice caporedattore fino al dicembre del 2014.Si è occupato di cronaca nera e bianca, di politica, di web e mondo digitale e soprattutto di spettacoli e cultura, guidando fino al 2012 le pagine ad essi dedicate. Contemporaneamente, ha sempre svolto la critica musicale, dal 1996 anche sul quotidiano veronese L’Arena. Negli ultimi 40 anni ha recensito migliaia di concerti e centinaia di rappresentazioni operistiche e ha pubblicato alcuni libri (sulle Sinfonie di Beethoven, sulla storia della Società del Quartetto di Vicenza, sul festival Settimane Musicali al teatro Olimpico, sulle rappresentazioni verdiane nel Veneto, raccontate attraverso cinque lustri di recensioni). Oggi collabora da "cronista di musica" e osservatore del mondo della cultura con Il Corriere Musicale e con la testata veneta di informazione online Vvox. Il suo sito personale d'informazione, musicale ma non solo, è www.cesaregalla.it.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti